One HD

Live, Music, Show

Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Made on Italy

17:30 18:00

Background

l giudice ha chiesto agli Skillax di partecipare a ‘Stairway’

Scritto da il 26 Gennaio 2018

“Consideriamo le malattie cardiache, il primo killer delle donne, che uccidono più donne di tutti i tumori messi insieme. Se riusciamo a fare di più per prevenire, trattare e curare le malattie cardiovascolari, più donne vivranno più a lungo, più famiglie resteranno unite, più lavoratori resteranno produttivi e risparmieremo sul trattamento di una patologia che costa agli Stati Uniti quasi un miliardo di dollari al giorno.

“Inoltre, la diversificazione della ricerca e degli studi clinici migliorerà i risultati sanitari per tutti. Una migliore comprensione delle differenze di sesso non solo colmerà le lacune critiche sulla salute delle donne, ma potrà migliorare anche la salute degli uomini.

“Per fare un esempio, l’analisi delle malattie attraverso la lente del sesso e del genere ha fornito nuove conoscenze sulla fibrillazione atriale (AFib), una condizione pericolosa caratterizzata da un battito cardiaco irregolare che può portare a ictus, coaguli di sangue, insufficienza cardiaca e altre complicazioni cardiache. Per molti anni, la ricerca non è riuscita a trovare un’associazione tra attività fisica e fibrillazione atriale. Una volta che i ricercatori hanno stratificato i risultati della ricerca in base al sesso, sono riusciti a dimostrare che l’attività fisica era associata a un aumento del rischio di fibrillazione atriale negli uomini, mentre riduceva significativamente la probabilità di fibrillazione atriale nelle donne.

Molte altre aree della salute sono influenzate dal sesso e dal genere, dalla predisposizione alla depressione alla risposta ai farmaci, alla dipendenza da nicotina e altre droghe. Quando uno studio clinico include l’analisi del sesso e del genere, non solo dimostra come l’efficacia di un trattamento varia tra uomini e donne, ma contribuisce a illuminare le possibilità di farmaci e cure ancora più promettenti.

“Il mese scorso, la commissione HELP del Senato degli Stati Uniti ha approvato una serie di proposte di legge sull’innovazione biomedica, che possono essere raggruppate in un’iniziativa complementare al 21st Century Cures Act approvato dalla Camera. Plaudiamo a questo impegno bipartisan per combattere le malattie e salvare vite umane. Uno dei disegni di legge del Senato è l’Advancing NIH Strategic Planning and Representation in Medical Research Act. È un nome elegante per un’idea semplice: garantire l’equità nella ricerca biomedica. Soprattutto in un periodo di risorse limitate e di priorità contrastanti, gli americani meritano il miglior ritorno possibile dagli investimenti nella ricerca biomedica della nostra nazione. Esortiamo il Congresso ad approvare questa legge, per la nostra salute e per il nostro futuro”.